Skip to main content.

Arte d’emancipazione per la Giornata internazionale della donna

Questa settimana della donna, celebriamo l'espressione artistica come forma di emancipazione e libertà. Abbiamo collaborato con cinque artiste di talento per creare la collezione The Women's Week.

Back to top

Kit Agar

"Descriverei la mia arte come eterea e femminile, ma non mi piace definire la femminilità come qualcosa di specifico: Non voglio mettere limiti a ciò che dovrebbe essere la femminilità."

Prima di tutto, creare l’arte per me

Sono un artista del Regno Unito, attualmente residente in Belgio. Sono sempre stata interessata all'arte. Da bambina timida, gravitavo verso l'arte e l'artigianato per poter fuggire nel mio piccolo mondo.

Tutta l'arte che faccio è per me: se nessuno stesse guardando, continuerei a fare lo stesso lavoro. In questo senso, la mia arte è molto riflessiva. Mi piace far vivere la mia arte così com'è.

Back to top

Reyna Noriega

"Ho trovato il mio stile artistico nello stesso periodo in cui ho trovato me stessa. C'è stato un passaggio dal creare per gli altri al creare per me stessa, e questo ha finito per servire di più le persone, perché era più autentico."

Celebrare le donne nel nostro modo più libero

Sono un’artista visiva e autrice di Miami. Le cose che mi portano felicità sono le stesse che mi danno ispirazione. La mia cultura e il mio ambiente sono una grande fonte di ispirazione.

Volevo creare un'arte che fosse edificante per le donne e che ci celebrasse al meglio, nel nostro modo più libero e più sicuro di noi. Nella varietà di tonalità della pelle e acconciature che descrivo, spero che ogni donna possa vedere se stessa.

Back to top

Maxime Rokus

"Ho trovato il mio stile artistico nello stesso periodo in cui ho trovato me stessa. C'è stato un passaggio dal creare per gli altri al creare per me stessa, e questo ha finito per servire di più le persone, perché era più autentico."

Usare strumenti digitali per fare arte

Sono Maxime, un’ artista che vive ad Amsterdam. Creo arte da quando ricordo, ma ho deciso di studiare graphic design. Questo non ha influenzato la mia arte, ma mi ha fatto conoscere le possibilità di utilizzare strumenti digitali.

Il processo di creazione di arte per me inizia con Photoshop. Provo diversi strati e colori per decidere cosa sia bello, e poi quando trovo qualcosa che mi piace, inizio a creare con il mio Ipad!

Back to top

Marta Leyva

"L'apprezzamento per la mia città e la mia cultura è qualcosa che è cresciuto ora che vivo all'estero. Ho iniziato a dare più importanza alle tradizioni e alla cultura. Nel 2017 ho preso in mano un pennello per la prima volta e me ne sono innamorata!"

Scoprire il mio talento per la pittura per caso

Sono di Barcellona, ma risiedo a Stoccolma da 10 anni. Nel 2017 ho preso in mano un pennello per la prima volta e me ne sono innamorata! 6 mesi dopo ha avuto luogo la mia prima mostra, che è stata un enorme successo! Attraverso questo ho imparato che la vita di una persona può cambiare in meglio dall'oggi al domani.

Il mio consiglio a tutti è quello di seguire le proprie passioni e provare cose nuove. Se ti piace qualcosa, non dovresti dubitare di te stesso e basta!

Back to top

Sara Abramson

"La mia arte consiste nell'essere se stessi. Credo che ogni donna debba essere in grado di governare il proprio mondo ascoltando se stessa e sapendo che le risposte sono sempre dentro di sé."

Rappresenta sia la forza che la vulnerabilità

I messaggi che scrivo sulle mie opere sono segni di dove mi trovo nella mia vita. C'è stato un periodo in cui dipingevo frasi come «cosa vuoi?» o «cosa stai aspettando?» - questo è stato il periodo in cui ho lasciato la mia carriera nelle telecomunicazioni per iniziare a seguire le mie passioni e iniziare a dipingere.

Le donne nei miei dipinti sono forti e vulnerabili: spesso guardano verso il basso, fissano il contatto visivo con lo spettatore, ma di solito hanno anche il collo esposto. Stanno comunicando la loro vulnerabilità, ma anche che hanno preso una decisione su come vivere la propria vita.